Indice del forum Arcadia - Il mondo delle Erbe officinali

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

Hennè - Lawsonia inermis L.
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> FitoCosmesi
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Sab Gen 20, 2018 3:25 pm    Oggetto: Ads

Top
Landre
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 17/10/08 10:35
Messaggi: 5046
Residenza: Prov. di Milano

MessaggioInviato: Lun Gen 12, 2009 1:35 am    Oggetto: Hennè - Lawsonia inermis L. Rispondi citando

Sinonimi : Lawsonia alba L. , Lawsonia spinosa L.

Nomi comuni : Hennè, Henna, Enna, Alcanna vera, Alcanna d' Oriente.

Il nome botanico deriva dal medico inglese John Lawson che nel 1709 pubblicò un libro nel quale descrisse dettagliatamente la pianta, ammirata in uno dei suoi viaggi.

Arbusto della famiglia delle Lythraceae è originario delle regioni subtropicali, in particolar modo degli altopiani dell' Africa centro-orientale.
Viene coltivata in India, Tunisia, Egitto, Arabia, Iran, Cina e anche in Florida.
La pianta può svilupparsi per alcuni metri di altezza e, una volta attecchita per bene, può diventare anche secolare.

L' utilizzo di questa pianta ha radici millenarie.
Conosciuto nell' antico Egitto , ha impregnato la maggior parte della cultura islamica che utilizzava ( e in parte ancora ) la polvere di Hennè per varie usanze religiose, sfruttando le proprietà tintorie della pianta per creare splendide decorazioni corporee ( mani , piedi e altre parti del corpo ) e per colorare capelli e barba.
In alcune regioni arabe l' H. viene portato in dono alla nascita di un figlio; durante la scelta del nome da dare al pargolo, gli vengono colorate le mani e i piedi.
Nelle usanze più antiche dell' Aid el Kebir ( la fine dell' Hajj, il pellegrinaggio alla Mecca ), il montone sacrificale viene/veniva rifocillato di foglie di Hennè, prima di essere ucciso.
In altre zone, l' H. viene donato al giovane, durante la circoncisione, il quale conserverà il regalo, inserendolo nel corredo nuziale, per poi donarlo alla sposa.
La pianta viene usata per tingere cuoio e legno.
Anche l' industria tessile si serve di questa pianta per le sue proprietà tintorie.
Il tessuto colorato di hennè, viene immerso, prima e dopo la lavorazione, in una soluzione acida che rende la tinta permanente e resistente alla luce solare, al candeggio e al lavaggio.
Aggiungendo del solfato ferroso e dell' allume alla pianta si ricava un nero, molto pregiato per la colorazione della seta.

In molti paesi arabi e in India l' H. rientra in alcuni preparati della medicina tradizionale.
L' estratto acquoso, in Arabia, viene usato contro il mal di gola ( gargarismi ).
In India viene usato come astringente ( proprietà scientificamente provata ) e antimicotico ( foglie ) e viene usato in caso di foruncoli, scottature, infiammazioni, sifilide, forfora e altri utilizzi di natura batterica/virale e infiammatoria.
In Uganda l' olio di semi di H. viene usato per dolori di origine muscolare.
Le proprietà oxitociche della pianta ( anche queste scientificamente provate ) giustificano l' utilizzo tradizionale libanese come abortivo.


La sostanza resposabile della colorazione è il Lawsone ( 2-idrossi-1,4-naftachinone ), che varia a livello quantitativo, a seconda delle cultivar, del clima e delle zone d' origine. La quantità massima media di Lawsone è dell' 1%, calcolato sul peso delle foglie secche.

Altri costituenti :
Tannini ( 5 % ) , Acido Hennotannico
Flavonoidi, Luteolina
Ceneri ; sostanze resinose e mucillaggini

Karawya et al. hanno confrontato il contenuto di lawsone di foglie di Hennè provenienti da zone diverse dell' Egitto, evidenziando variazioni dallo 0.55% allo 0.95%, a seconda delle zone climatiche ( da temperato a più caldo ; più il clima è caldo, maggiore è la quantità di Lawsone presente nella pianta ).

Il Lawsone è presente anche anche nella corteccia, nel fusto e nei rami ( 0,2% ca ) e nei semi ( 0,13 % ). Nelle radici se ne trova pochissimo, specie se la pianta ha una certa età.

Ma come fa il Lawsone a colorare i capelli??
Esso si lega alle proteine del capello ( cheratina ) formando legami di tipo elettrostatico - covalente.
Ricercatori dell' università di Karachi ( Pakistan ) hanno riscontrato che il legame proteina-lawsone varia a seconda del pH.
Incolore - giallo pallido = pH tra 3,5 e 5,5
Giallo-arancio = 5.5 - 9
Rosso scuro = 9 - 11
Marrone rossiccio = 11 - 13
Rosso pallido = superiore a pH 13.

Il Lawsone puro è insolubile in un ambiente molto acido mentre raggiunge l' apice di solubilità a pH compresi tra 7,6 e 10.
Un ambiente alcalino intensifica il colore ma limita la capacità di legame tra capello e tintura, mentre un ambiente lievemente acido ( 5,5 ) favorisce una colorazione veloce e duratura.
Ecco spiegato il motivo dell' aggiunta, nel preparato prima dell' uso, di prodotti come succo di limone o aceto, sostanze acide che non solo aumentano la lucentezza del capello, ma incrementano l' azione mordente dei tannini dell' Hennè, i quali contribuiscono a legare il colore alla chioma.
Inoltre, quanto detto poco fa potrebbe dar senso al "tradizionale" consiglio di lavarsi i capelli, prima di ogni applicazione, con il sapone solido. ( questa pratica è sconsigliata nella quotidianità, perchè il sapone solido è troppo alcalino rispetto alla nostre cute ).

L' Hennè non penetra nel capello, come le normali tinte, ma si lega alle squame creando uno effetto "sostantivante" del capello ( lieve aumento del diametro del fusto, rendendo il capello più voluminoso ).

La polvere di Hennè ha un colore che varia dal verdognolo al bruno-giallastro. La tonalità verde è un discreto indicatore che ci permette di sapere se la polvere in questione sia stata prodotta di recente. Più tende a questa tonalità , più l' hennè è "giovane".
Raramente, in commercio, troveremo Hennè puro; spesso viene miscelato ad altri vegetali polverizzati ( foglie di olivo, melograno, mirto ) e anche altro materiale, come sabbia o terriccio.
Le "contaminazioni" possono raggiungere anche il 50%.

La polvere viene diluita in acqua calda fino ad ottenere una pappetta, di media densità. Bisogna mescolare il composto fino a quando scompaiono i grumi.
Prima della diluizione è possibile aggiungere alla polvere qualche ingrediente, come;
- Olio vegetale ( oliva, mandorle, ecc.. ) : è bene ricordare che l' hennè tende a seccare leggermente i capelli. Un olio può alleviare notevolmente questo effetto collaterale.
- Tuorlo d' uovo ( o uovo intero ) : rafforza il capello, aiutando anche il composto ad amalgarsi meglio.
- Succo di limone, Aceto : anche senza l' hennè, hanno la caratteristica di rendere i capelli più luminosi ( prodotti acidi che chiudono eventuali squame "aperte", che rendono il capello ruvido e opaco.
Personalmente ritengo che un risciacquo, dopo l' hennè, con questi prodotti sia più efficace.
- Tè nero : tendenzialmente non colora/colora poco, anche se è stato dimostrato che il tè nero tende a "donare" qualche riflesso più scuro e caldo alla tonalità dell' hennè. Aiuta l' azione mordente dei tannini ( vedi sopra ).

Tenere in posa, sui capelli asciutti o leggermente umidi per un 30-60minuti, ma anche più ( in Arabia le donne lo tengono anche per una notte intera ).
Più il tempo di posa sarà maggiore, più il pigmento riuscirà a legarsi al capello.

Una volta terminata l' applicazione, sciacquare il materiale residuo con dello shampoo.

In commercio troviamo molti tipi di Hennè.
La lawsonia inermis o alba è il "vero" hennè, che colora di rosso.

Gli altri "hennè" ( denominati impropriamente così ) sono;

Cassia italica : della famiglia delle Fabaceae viene definita cosmeticamente hennè neutro, in quanto è priva di colorazione.
Volumizza il capello.

Indigofera tinctoria ; Indigofera spp. ( Indigo, Indaco, Rang ) : Leguminosa di origine indiana ha la caratteristica di colorare i capelli di scuro.
Il principio tintorio dell' Indaco è l' indossile, derivato per idrolisi enzimatica dall' indacano ( eteroside presente nelle foglie della pianta ).
Questo, in presenza di ossigeno, crea l' indigotina, la molecola "tintoria".

Alcune ricerche confermerebbero un colore meno intenso e sbiadito in miscele di hennè con indigofera superiore al 25%.
Per eventuali mix cromatici è comunque preferibile fare delle applicazioni separate.

L' hennè viene miscelato ad altre piante che creano, a seconda della qualità della miscela e della base del capello, tonalità più o meno diverse.

Attenzione ai prodotti che si spacciano per hennè ma che in realtà contengono coloranti sintetici.
Quello che si trova con più facilità nelle miscele in questione è il Picramato di Sodio ( Inci name : sodium picramate o CI 76540 ).
Di solito viene aggiunto ( al 2-3% ) per rendere il rosso dell' hennè più caldo e acceso.

In conclusione è bene ricordare che l' hennè copre a sufficienza i capelli bianchi ( dopo lunghe applicazioni ), colora bene i capelli chiari, discretamente quelli scuri e dona riflessi a quelli scurissimi/neri.
Il colore finale su una chioma non soggetta ad incanutimento varierà in modo molto soggettivo, a seconda del colore naturale del capello.
L' hennè non penetra o "deforma" il colore originale.. è come se lo coprisse con un leggero velo, lasciandolo in trasparenza e filtrato dalle tonalità rossastre di questa preziosa tinta naturale.



Recentemente si sta indagando su una possibile tossicità del Lawsone, specie per quanto riguarda la somministrazione per os e l' uso topico ( in primis tatuaggi ).

Per info :


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

e
Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Riferimenti bibliografici
- Le piante tintorie nella colorazione dei capelli di Mearelli e Giogli, Aboca, 1999
- AA.VV. I coloranti naturali... Erboristeria Domani, 5, maggio, 1980
- Chimica e tecnica cosmetica, G. Proserpio ,Ed. Sinergica, 1987
Top
Profilo Invia messaggio privato
Landre
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 17/10/08 10:35
Messaggi: 5046
Residenza: Prov. di Milano

MessaggioInviato: Mar Gen 27, 2009 1:55 pm    Oggetto: Rispondi citando

Riporto una piccola tabella rapresentativa delle tonalità di Hennè che si ottenegono, a differente pH, su un capello bianco.

I colori in questione hanno solo un valore indicativo.

Hennè a pH 5 ca


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Hennè a pH 3 ca


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Hennè a pH 7 ca


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




Hennè a pH 9 ca


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato
TeresaDalSorriso
Neo-utente
Neo-utente


Registrato: 08/09/10 17:44
Messaggi: 5

MessaggioInviato: Mer Set 08, 2010 7:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

Mi permetto di risollevare questo topic, sperando di non sbagliare, perché avrei una domanda. Le proprietà "volumizzanti" della Cassia italica sono paragonabili a quelle della Lawsonia? L'unico motivo per cui vorrei provare l'henné, infatti, è per inspessire un po' i capelli (belli, ma piuttosto fini per natura). Se si potesse ottenere il bell'effetto dato dalla Lawsonia senza la colorazione rossa lo preferirei, eppure ho sentito dire spesso che la Cassia non dà lo stesso aumento di volume.. grazie infinite Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
Landre
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 17/10/08 10:35
Messaggi: 5046
Residenza: Prov. di Milano

MessaggioInviato: Mer Set 08, 2010 7:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao!
Nello specifico non saprei quale delle due sia più volumizzante. Io personalmente posso dire che usavo la polvere di Cassia proprio per volumizzare e su di me il risultato era soddisfacente.
Top
Profilo Invia messaggio privato
TeresaDalSorriso
Neo-utente
Neo-utente


Registrato: 08/09/10 17:44
Messaggi: 5

MessaggioInviato: Mer Set 08, 2010 8:30 pm    Oggetto: Rispondi citando

Farò come te allora, grazie ^^
Top
Profilo Invia messaggio privato
sara_penny
Erborista eco-bio
Erborista eco-bio


Registrato: 14/05/09 17:32
Messaggi: 480
Residenza: provincia di bergamo

MessaggioInviato: Mer Set 08, 2010 9:11 pm    Oggetto: Rispondi citando

anche io uso la cassia e il risultato non è male! non ha mai usato la lawsonia pura però, per cui non so che differenza c'è.. Considerando che la cassia non tinge puoi anche provare. io mi faccio la maschera aggiungendo yogurt bianco e infuso di camomilla. Ho provato con il limone ma mi secca troppo la cute.
se provi facci sapere i risultati! Wink
Top
Profilo Invia messaggio privato
Landre
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 17/10/08 10:35
Messaggi: 5046
Residenza: Prov. di Milano

MessaggioInviato: Gio Set 09, 2010 8:11 am    Oggetto: Rispondi citando

Per chi non è vegan ( vado un attimo Ot ) consiglio di aggiungere un uovo ( anche solo il tuorlo va bene ), così oltre all' effetto sostantivante, i capelli appariranno più robusti ( provato e sperimentato da più persone ).
Top
Profilo Invia messaggio privato
TeresaDalSorriso
Neo-utente
Neo-utente


Registrato: 08/09/10 17:44
Messaggi: 5

MessaggioInviato: Gio Set 09, 2010 12:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ma l'aggiunta del tuorlo sostituisce quella dello yogurt?

sara_penny ha scritto:
anche io uso la cassia e il risultato non è male! non ha mai usato la lawsonia pura però, per cui non so che differenza c'è.. Considerando che la cassia non tinge puoi anche provare. io mi faccio la maschera aggiungendo yogurt bianco e infuso di camomilla. Ho provato con il limone ma mi secca troppo la cute.
se provi facci sapere i risultati! Wink


Certo, a fine mese torno a casa e proverò senz'altro, poi vi farò sapere Wink Anche solo per curiosità vorrei provare entrambe le cose nel tempo, magari cassia all'inizio e più avanti lawsonia pura.. mi è stato detto che con l'aggiunta di mallo di noce la lawsonia mantiene le sue proprietà ristrutturanti conferendo però riflessi più castani che rossi, sarà vero?
Top
Profilo Invia messaggio privato
sara_penny
Erborista eco-bio
Erborista eco-bio


Registrato: 14/05/09 17:32
Messaggi: 480
Residenza: provincia di bergamo

MessaggioInviato: Gio Set 09, 2010 4:17 pm    Oggetto: Rispondi citando

il mallo di noce tinge ma no quanto la lawsonia. per cui probabilmente modificherà un po' il colore della lawsonia ma non credo di molto.. poi dipende dalle quantità ovviamente. sta di fatto che la lawsonia tinge eccome!! io ne metto solo un paio di cucchiai e già i riflessi rossicci si vedono Very Happy

Citazione:
Ma l'aggiunta del tuorlo sostituisce quella dello yogurt?


non credo intendesse una sostituzione ma un'aggiunta. se non vuoi usare lo yogurt puoi anche provare con uovo e allungare con acqua o con un infuso. se no metti yogurt, uovo e quello che manca per fare la pappetta lo metti di acqua o infuso. poi dipende dal colore dei tuoi capelli e dalla tonalità che vorresti ottenere.
Top
Profilo Invia messaggio privato
deb-bee
Gemma
Gemma


Registrato: 15/09/10 14:53
Messaggi: 54
Residenza: Lugano, Svizzera

MessaggioInviato: Gio Ago 25, 2011 11:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Riguardo al discorso del pH, avrebbe senso mettere dell'henné a mollo in acqua a pH fra 7.6 e 10 al fine di far rilasciare il lawsone nell'acqua, filtrare i residui e portare il pH del liquido filtrato a 5.5 per farlo legare alle proteine del capello? Vorrei fare ciò per non mettermi in testa un henné molto grumoso, quindi volevo estrarre in acqua la sostanza colorante, filtrarla e poi gellificarla (p.es. con xantana) per applicarla comodamente senza che coli.

Spero di essermi spiegata, attendo i vostri consigli!

_________________
*Did you realize no one can see inside your view?*

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.



Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.

Top
Profilo Invia messaggio privato HomePage
Landre
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 17/10/08 10:35
Messaggi: 5046
Residenza: Prov. di Milano

MessaggioInviato: Gio Ago 25, 2011 11:31 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
mettere dell'henné a mollo in acqua a pH fra 7.6 e 10 al fine di far rilasciare il lawsone nell'acqua, filtrare i residui e portare il pH del liquido filtrato a 5.5 per farlo legare alle proteine del capello?


Io lascerei il pH sul basico e poi , dopo l'applicazione, effettuerei degli sciacqui di aceto per riequilibrare il pH.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Akira
Herba perennis
Herba perennis


Registrato: 05/03/09 18:30
Messaggi: 254

MessaggioInviato: Ven Ago 26, 2011 12:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao,
l'henné sui capelli schiariti dal sole si comporta come su quelli bianchi?

Diventano arancioni?

Ciao e buona giornata
Top
Profilo Invia messaggio privato
Landre
AMMINISTRATORE
AMMINISTRATORE


Registrato: 17/10/08 10:35
Messaggi: 5046
Residenza: Prov. di Milano

MessaggioInviato: Ven Ago 26, 2011 8:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

schiariti quanto???
se sono diventati biondo platino, sì!
Top
Profilo Invia messaggio privato
Akira
Herba perennis
Herba perennis


Registrato: 05/03/09 18:30
Messaggi: 254

MessaggioInviato: Lun Ago 29, 2011 11:37 am    Oggetto: Rispondi citando

Non così! Very Happy

Sono castano chiari con striature biondo scuro (tipo meches).
Top
Profilo Invia messaggio privato
Neeeessie
Utente
Utente


Registrato: 29/08/11 12:25
Messaggi: 19
Residenza: Italia

MessaggioInviato: Mer Ago 31, 2011 6:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io sono una divoratrice di hennè, quest'inverno lo facevo anche due volte a settimana e per mesi non ho usato alcun tipo di shampoo tanto già l'hennè li lava (o almeno così sembra) ...infatti avevo dei capelli splendidi hate-cool
poi mi è venuto il mal di schiena e ora lo faccio soltanto ogni 2 settimane, non ci sono paragoni!
a mio parere la cassia non è paragonabile alla lawsonia, però da comunque ottimi risultati Wink

_________________

Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.


fan nr. 1 dell'ammorbidente almacabio ;D
vegetariana e fiera di esserlo!
lawsonia and indigo addicted.
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> FitoCosmesi
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3, 4  Successivo
Pagina 1 di 4

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001 - 2005 phpBB Group
Theme ACID v1.5 par HEDONISM
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
TOP

Page generation time: 0.94